Mercoledì, 15 Maggio 2019 11:09

Soccorso di qualità a.. Km 0! Nasce CRI in Bici

Essere volontari di Croce Rossa significa far parte di una grande famiglia in cui tutti fanno la loro parte per aiutare ovunque e chiunque. E questo aiuto lo si porta sia sul campo, sia svolgendo lavoro d'ufficio, sia essendo promotori di idee e progetti innovativi, che siano non solo di sostegno ai Principi Fondamentali di Croce Rossa, ma anche e soprattutto di sostegno e supporto al territorio in cui operiamo.

Il progetto CRI in Bici è una di quelle idee nate dalla fantasia di un gruppo di volontari CRI Parma, che si è reso conto di come, nella nostra città, un servizio in grado di presidiare il territorio in modo capillare, focalizzando l'attenzione su zone particolari della città, ad alto flusso di traffico pedonale, oltre che in occasione di eventi particolari, fosse un qualcosa di importante e di cui Parma avesse effettivamente bisogno, un servizio in grado di soddisfare una reale necessità di miglioramento del servizio di soccorso.

Ed in pochissimo tempo il progetto è passato da un'idea puramente teorica, a qualcosa di tangibile ed operativo in via sperimentale. In un mese CRI in Bici è diventato realtà, grazie alla forza di volontà dei volontari di Croce Rossa Parma, che si sono immediatamente messi a disposizione formando un nutrito gruppo in grado non solo di coprire i turni del nuovo servizio, prima ancora che prendesse vita, ma anche definendo il progetto fin nei minimi dettagli, oltre all'impegno del Consiglio Direttivo, operativo nell'organizzazione tecnica e pratica, e soprattutto anche grazie alla donazione di Pietro Bellotti, artigiano titolare della Bellotti srl, un artigiano che mette tutta la sua passione ed il suo cuore nel lavoro che svolge, e che in quella passione e quel cuore trova molto spesso un piccolo grande spazio per Croce Rossa Parma, rendendosi disponibile con grande entusiasmo a sostenere finanziariamente il progetto!

Ma cos'è CRI in bici? Come accennato prima, è un servizio di presidio sanitario svolto a cavallo di una bicicletta a pedalata assistita, che vuole portare un primo soccorso di qualità in quelle zone della città di più difficile intervento per i mezzi di soccorso tradizionali, vuoi per la presenza di barriere architettoniche che obbligano le ambulanze a percorrere strade più lunghe e trafficate, vuoi per la presenza di aree ad alta concentrazione di persone, che chiaramente ti impongono andature a passo d'uomo, o l'utilizzo ove possibile di percorsi alternativi più lunghi. Questo può causare un "ritardo" negli interventi che, seppur in linea con le linee guida regionali e nazionali, al fine di un soccorso di qualità, necessita di un rimedio. E la presenza in queste zone di volontari addestrati dotati di biciclette elettriche equipaggiate al pari di un'ambulanza, con tutto il necessario per operare il primo soccorso, da garze e disinfettanti fino al defibrillatore, è sicuramente qualcosa che porta questo miglioramento! Ed in modo totalmente ecologico!

CRI in Bici inoltre risulta ideale in tutti quegli eventi programmati come le Fiere, le gare podistiche, ed altri eventi simili, in cui la presenza di un mezzo agile permette di stare più vicino alle persone, senza pregiudicarne la sicurezza. Ne abbiamo avuto un esempio durante il recente Parma Street Food Festival, dove l'intervento di questi mezzi a due ruote ha reso più semplice ed efficace il primo soccorso.

Le nuove mountain bike a pedalata assistita in dotazione a Croce Rossa hanno un'autonomia che può arrivare ad oltre 100 km.

Sono già numerose le occasioni in cui questi nuovi "mezzi di soccorso" verranno utilizzati nel periodo primaverile, e Croce Rossa Parma sta già studiando il potenziamento del servizio, con la dotazione di nuovi mezzi nel medio periodo.

Certo, l'idea di vedere arrivare una bicicletta con sirena e lampeggianti accesi può portare ben più di un sorriso sul volto di chi guarda, ma quando questo ti permette di arrivare in modo più rapido ed efficace vicino a chi ha bisogno di un soccorso, il sorriso da "divertito" diventa di "gratitudine" e "soddisfazione". Soddisfazione perché il nostro obiettivo è sempre quello di alleviare le sofferenze, nel miglior modo possibile, e siamo in grado di farlo anche a cavallo di una bici!

CRI In Bici, presentato alla città nel corso della giornata di apertura della Settimana CRI 2019, ha subito raccolto il commento entusiasta di tutte le autorità presenti, che hanno definito il nuovo servizio una "novità assai preziosa" per Parma, cogliendo appieno le peculiarità e l'utilità di questo nuovo servizio di soccorso "leggero"!

Il lavoro dei volontari CRI Parma chiaramente non finisce qui, prosegue infatti il loro addestramento non certo per utilizzare una bicicletta, ma per conoscere dettagliatamente le aree in cui andranno ad operare, definendo per esempio, percorsi sicuri di intervento in zone come la stazione. In questo caso fondamentali risultano gli incontri con la Polizia Ferroviaria, in grado di illustrare al meglio i percorsi più veloci e sicuri per gli interventi nella zona. Una profonda conoscenza della città, in tutte le sue sfaccettature è infatti una base irrinunciabile per questo tipo di soccorso a… km 0!

cri

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti, gestire le donazioni PayPal, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.
Informazioni Privacy Sito Accetta Rifiuta